Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it
Ematobase.it

Trattamento specializzato basato su terapia cognitivo-comportamentale versus cure tradizionali per tinnito


Fino al 21% degli adulti soffre di tinnito ( anche noto come acufene ), uno dei problemi audiologici più stressanti e debilitanti.
L’assenza di cure mediche e di pratiche standardizzate può portare a trattamenti costosi e prolungati.

Uno studio ha valutato l’efficacia di un approccio di cura suddiviso in fasi e basato sulla terapia cognitivo-comportamentale, rispetto alle cure tradizionali in pazienti con tinnito di diversa gravità.

In uno studio randomizzato e controllato condotto presso l’Adelante Department of Audiology and Communication ( Hoensbroek, Olanda ), sono state coinvolte persone precedentemente non-trattate ( età superiore ai 18 anni ) con un problema di tinnito primario, ma senza alcun problema di salute che precludesse la partecipazione allo studio.

Un ricercatore indipendente ha assegnato in maniera casuale e in un rapporto 1:1 i pazienti, stratificandoli per gravità del tinnito e capacità uditiva, a ricevere trattamento specializzato di tipo cognitivo-comportamentale con rieducazione del tinnito focalizzata sul suono, oppure a ricevere cure tradizionali.

Pazienti e valutatori non erano a conoscenza del gruppo di assegnazione.

Gli esiti primari erano la qualità di vita correlata alla salute ( valutata mediante il punteggio alla scala HUI [ Health Utilities Index ] ), la gravità del tinnito ( punteggio alla scala TQ [ Tinnitus Questionnaire ] ) e il peggioramento del tinnito ( punteggio alla scala THI [ Tinnitus Handicap Inventory ] ), valutati prima del trattamento e a 3 mesi, 8 mesi e 12 mesi dopo la randomizzazione.

L’analisi è stata compiuta per intention-to-treat.

Nel periodo 2007-2011, sono stati arruolati e trattati 492 ( 66% ) dei 741 pazienti sottoposti a screening.

Rispetto ai 247 pazienti assegnati a cure standard, i 245 assegnati a cure specializzate hanno mostrato miglioramenti nella qualità di vita correlata alla salute nell’arco di 12 mesi ( differenza tra i gruppi 0.059; p=0.0009 ) e una diminuzione della gravità del tinnito ( -8.062; p inferiore a 0.0001 ) e peggioramento del tinnito ( -7.506; p inferiore a 0.0001 ).

Il trattamento è apparso efficace indipendentemente dalla iniziale gravità del tinnito, e non sono stati riscontrati eventi avversi.

In conclusione, un trattamento specializzato basato su terapia cognitivo-comportamentale potrebbe risultare indicato per i pazienti con tinnito di diversa gravità. ( Xagena2012 )

Cima RF et al, Lancet 2012; 379: 1951-1959

Med2012 Psyche2012



Indietro