Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Vertigini
Xagena Mappa

Abiraterone acetato nei pazienti con tumore delle ghiandole salivari resistente alla castrazione, che esprime il recettore degli androgeni


L'attività della terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) nei carcinomi delle ghiandole salivari ( SGC ) positivi al recettore degli androgeni ( AR+ ) è stata stabilita negli ultimi anni.
Il trattamento di seconda linea nei pazienti resistenti alla castrazione è ancora sconosciuto.

È stata studiata l'attività di Abiraterone acetato ( Zytiga ) come trattamento di seconda linea nei pazienti con carcinoma delle ghiandole salivari AR+, resistenti alla terapia ADT.

È stato condotto uno studio di fase II presso un unico centro.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) confermato. Gli endpoint secondari erano il tasso di controllo della malattia ( DCR ), la sicurezza, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ).

I pazienti erano eleggibili quando erano soddisfatti i seguenti criteri: diagnosi istologica di tumore delle ghiandole salivari con sovraespressione di AR, malattia misurabile secondo i criteri RECIST 1.1, progressione clinica e/o radiologica nel corso di terapia ADT, testosterone sierico soppresso e nessun limite per il numero di precedenti linee chemioterapiche.
Tutti i pazienti hanno ricevuto Abiraterone 1 g al giorno più Prednisone 10 mg e agonista GnRH ( ormone di rilascio dell'ormone luteinizzante ) fino a progressione o tossicità inaccettabile.

Dal 2015 al 2019, 24 pazienti con tumore delle ghiandole salivari AR+ ( 23 uomini; età mediana 65.8 anni ) sono stati trattati nell'ambito dello studio.

Il tasso di risposta globale è stato del 21% ( 5 risposte parziali), con un tasso di controllo della malattia del 62.5%.

La durata mediana della risposta è stata di 5.82 mesi.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 3.65 mesi e la sopravvivenza globale mediana è stata di 22.47 mesi.

La risposta obiettiva alla precedente terapia ADT non è stata correlata all'attività dell'Abiraterone.

Sono stati registrati eventi avversi in 22 casi ( 92% ) con eventi avversi di grado 3 in 6 pazienti ( 25% ): affaticamento ( 2 ), vampate ( 1 ), tachicardia sopraventricolare ( 1 ) e 2 eventi avversi non-correlati al farmaco.
Non sono stati registrati eventi avversi di grado 4 o 5 correlati al farmaco.

Abiraterone più agonista dell'ormone di rilascio dell'ormone luteinizzante è attivo e sicuro come opzione di seconda linea nel carcinoma delle ghiandole salivari resistente alla castrazione che esprime AR. ( Xagena2021 )

Locati LD et al, J Clin Oncol 2021; 39: 4061-4068

Oto2021 Onco2021 Farma2021


Indietro