Vertigini
GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa

Associazione di chemioprofilassi di durata prolungata con tromboembolia venosa nei pazienti ad alto rischio con tumore della testa e del collo


Il tromboembolismo venoso ( VTE ) è associato a una sostanziale morbilità ed è il fattore più comune correlato a morte prevenibile tra i pazienti ospedalizzati.
I dati provenienti da studi otorinolaringoiatrici suggeriscono che il rischio di tromboembolismo venoso possa essere sottostimato tra i pazienti ad alto rischio, in particolare tra quelli sottoposti a procedure oncologiche.

L'incorporazione della chemioprofilassi di durata prolungata ( PDC ) nella terapia preventiva è stata associata a sostanziali diminuzioni dell'incidenza di tromboembolismo venoso tra i pazienti sottoposti a chirurgia oncologica.
Tuttavia, il sanguinamento rimane una delle principali preoccupazioni tra gli otorinolaringoiatri, ed esiste una variazione sostanziale nell'uso della tromboprofilassi.

È stata valutata l'associazione tra chemioprofilassi di durata prolungata e tromboembolismo venoso nei pazienti ad alto rischio con tumore testa-collo sottoposti a procedure oncologiche.

Uno studio di coorte retrospettivo ha identificato 750 pazienti con tumore del testa-collo confermato dalla biopsia e un punteggio di rischio di Caprini di 8 o superiore che sono stati sottoposti a chirurgia oncologica ospedaliera presso un Centro di riferimento tra il 2014 e il 2020.

Dopo le esclusioni, 247 pazienti sono stati inclusi nello studio; i pazienti sono stati divisi in 2 coorti, tradizionale e chemioprofilassi di durata prolungata, in base alla durata della profilassi.
Sono state eseguite analisi univariate e multivariate per esaminare lo sviluppo di tromboembolismo venoso e complicanze associate al sanguinamento durante il periodo postoperatorio di 30 giorni.
PDC è stata definita come 7 o più giorni postoperatori di chemioprofilassi.

Gli esiti principali erano tromboembolismo venoso ed eventi emorragici durante il periodo postoperatorio di 30 giorni.

Tra i 247 pazienti ( età media, 63.1 anni; 180 uomini, 72.9% ) inclusi nello studio, 106 ( 42.9% ) hanno ricevuto la profilassi tradizionale e 141 ( 57.1% ) hanno ricevuto PDC.

L'incidenza di tromboembolismo venoso è stata di 5 pazienti su 106 pazienti ( 4.7% ) nella coorte tradizionale e 1 su 141 pazienti ( 0.7% ) nella coorte PDC ( odds ratio OR, 0.15 ).

Nell'analisi di regressione logistica multivariata, la chemioprofilassi di durata prolungata è stata associata indipendentemente a riduzioni del rischio di tromboembolismo venoso ( OR, 0.04 ).

L'incidenza di eventi emorragici è stata di 1 su 106 pazienti ( 0.9% ) nella coorte tradizionale e 6 su 141 pazienti ( 4.3% ) nella coorte PDC ( OR, 4.64 ).

L'uso della chemioprofilassi per i pazienti ad alto rischio con tumore della testa e del collo rimane un argomento di alta priorità.
I risultati di questo studio hanno indicato che la chemioprofilassi di durata prolungata possa essere associata a riduzioni di tromboembolismo venoso in questa popolazione di pazienti.

Tuttavia, l'aumento associato di eventi emorragici non-fatali merita un'attenta considerazione e sottolinea ulteriormente la necessità di determinare una durata ottimale per la chemioprofilassi in questa coorte distinta. ( Xagena2021 )

Tipirneni KE et al, JAMA Otolaryngol Head Neck Surg 2021; 147: 320-328

Neuro2021 Oto2021 Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro