Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it
Cardiobase

Associazione tra anemia preoperatoria e morbilità e mortalità a 30 giorni nei pazienti con tumore alla tiroide sottoposti a tiroidectomia


Nonostante la facilità della diagnosi di anemia preoperatoria e la disponibilità di opzioni di trattamento, la morbilità e la mortalità associate a questa condizione rimangono inaccettabilmente elevate, e la letteratura che descrive l'associazione dell'anemia preoperatoria con esiti postoperatori dopo chirurgia tiroidea nei pazienti con tumore tiroideo rimane scarsa.
Segnalare gli esiti in questa popolazione di pazienti può aiutare a facilitare l'ottimizzazione preoperatoria.

Si è valutato se esiste una associazione tra anemia preoperatoria ed esiti dopo l'intervento chirurgico alla tiroide nei pazienti con neoplasia tiroidea.

Uno studio di coorte retrospettivo e trasversale ha utilizzato il database dell’American College of Surgeons National Surgical Quality Improvement Program per identificare 32.166 pazienti tra il 2007 e il 2016 con codici CPT ( Current Procedural Terminology ) per intervento alla tiroide e con il codice ICD-9 ( International Classification of Diseases, Ninth Revision ) di tumore alla tiroide maligno.

È stata rilevata la presenza di anemia preoperatoria, definita utilizzando i criteri WHO ( World Health Organization ) di ematocrito inferiore al 36% nelle donne non-incinte e inferiore al 39% negli uomini.

È stata valutata l'associazione dell'anemia preoperatoria con i seguenti esiti postoperatori a 30 giorni: complicanze polmonari, infettive e cardiache, morbilità generale e grave ( infezione del sito chirurgico e complicazioni mediche ), prolungata permanenza ospedaliera e mortalità.

Tra i 24.912 pazienti con tumore tiroideo sottoposti a tiroidectomia inclusi nell'analisi finale, l'età mediana era di 51 anni e la maggior parte erano donne ( 18.705, 75.1% ).
La prevalenza dell'anemia preoperatoria era del 12.5% ( n=3.108 ).
All'interno della popolazione complessiva dello studio, l'ipertensione ( 9.242 pazienti, 37.1% ), seguita da abitudine al fumo attivo ( 2.992 pazienti, 12.0% ), erano le comorbilità più diffuse.

Le probabilità non-aggiustate di anemia versus nessuna anemia sono state significativamente più alte ogni 10 anni di età ( odds ratio, OR=1.10 ) e per i pazienti neri versus bianchi ( OR=2.82 ).
Le probabilità aggiustate di morbilità postoperatoria complessiva ( OR=1.68 ), mortalità ( OR=3.36 ) e complicanze polmonari ( OR=2.36 ) e infettive ( OR=1.62 ) sono state più alte nei pazienti con anemia preoperatoria rispetto a quelli senza anemia preoperatoria.

I risultati di questo studio hanno indicato che l'anemia preoperatoria può non solo essere associata a differenze etniche e a un carico maggiore di comorbilità, ma può anche aumentare la probabilità di morbilità e mortalità postoperatoria.
Questi risultati possono fornire una base per ulteriori strategie di riduzione del rischio e ottimizzazione preoperatoria. ( Xagena2019 )

Burton BN et al, JAMA Otolaryngol Head Neck Surg 2019; 145: 124-131

Emo2019 Onco2019 Endo2019 Chiru2019 Oto2019



Indietro