GSK Infettivologia
Vertigini
Forum Infettivologico
Xagena Mappa

Avelumab più chemioradioterapia standard di cura rispetto alla sola chemioradioterapia nei pazienti con carcinoma a cellule squamose localmente avanzato della testa e del collo


La chemioradioterapia è lo standard di cura per il carcinoma a cellule squamose localmente avanzato della testa e del collo non-resecato.
E' stato valutato se l'aggiunta di Avelumab ( Bavencio ), un anti-PD-L1, alla chemioradioterapia migliori gli esiti del trattamento per questa popolazione di pazienti.

In uno studio di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, i pazienti sono stati reclutati da 196 ospedali e centri di cura per il tumore in 22 Paesi.
Pazienti di età pari o superiore a 18 anni, con carcinoma a cellule squamose localmente avanzato dell'orofaringe, dell'ipofaringe, della laringe o del cavo orale confermato istologicamente, non-trattato in precedenza, un punteggio ECOG performance status pari a 1, e che potevano ricevere la chemioradioterapia erano ammissibile.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale stratificando per stato del papillomavirus umano, stadio del tumore e stadio linfonodale a ricevere 10 mg/kg di Avelumab per via endovenosa ogni 2 settimane più chemioradioterapia ( 100 mg/m2 di Cisplatino ogni 3 settimane più radioterapia a modulazione di intensità con frazionamento standard di 70 Gy, 35 frazioni durante 7 settimane; gruppo Avelumab ) oppure placebo più chemioradioterapia ( gruppo placebo ).

Ciò è stato preceduto da una singola dose iniziale di 10 mg/kg di Avelumab o placebo somministrata 7 giorni prima e seguita da 10 mg/kg di Avelumab o placebo ogni 2 settimane di terapia di mantenimento per un massimo di 12 mesi.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione in base ai criteri modificati RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi, versione 1.1, in tutti i pazienti assegnati in modo casuale.
Gli eventi avversi sono stati valutati nei pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Avelumab o placebo.

Tra il 2016 e il 2019 sono stati assegnati 697 pazienti in modo casuale al gruppo Avelumab ( n=350 ) o al gruppo placebo ( n=347 ).
Il follow-up mediano per la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) è stato di 14.6 mesi nel gruppo Avelumab e di 14.8 mesi nel gruppo placebo.

La sopravvivenza mediana libera da progressione non è stata raggiunta nel gruppo Avelumab e non è stata raggiunta nel gruppo placebo ( hazard ratio stratificato, HR=1.21 a favore del gruppo placebo; P unilaterale=0.92 ).

Gli eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o peggiore più comuni sono stati neutropenia ( 57 su 348 pazienti, 16%, nel gruppo Avelumab vs 52 su 344 pazienti, 15%, nel gruppo placebo ), infiammazione della mucosa ( 50, 14%, vs 45, 13% ), disfagia ( 49, 14%, vs 47, 14% ) e anemia ( 41, 12%, vs 44, 13% ).

Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 124 pazienti ( 36% ) nel gruppo Avelumab e in 109 pazienti ( 32% ) nel gruppo placebo.
Decessi correlati al trattamento si sono verificati in 2 pazienti ( 1% ) nel gruppo Avelumab ( a causa di disturbi generali, condizioni del sito e rottura vascolare ) e 1 ( inferiore a 1% ) nel gruppo placebo ( a causa di insufficienza respiratoria acuta ).

L'obiettivo primario di prolungare la sopravvivenza libera da progressione con Avelumab più chemioradioterapia seguita da mantenimento con Avelumab in pazienti con carcinoma a cellule squamose localmente avanzato della testa e del collo non è stato raggiunto.( Xagena2021 )

Lee NY et al, Lancet Oncology 2021; 22: 450-462

Neuro2021 Oto2021 Onco2021 Farma2021


Indietro