Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Camrelizumab più Apatinib nei pazienti con carcinoma rinofaringeo ricorrente o metastatico


Gli inibitori del checkpoint immunitario combinati con la terapia antiangiogenica hanno una potenziale attività antitumorale sinergica.
Sono state studiate l'attività e la sicurezza di questo regime per il carcinoma rinofaringeo ( NPC ) ricorrente / metastatico.

Uno studio a due fasi a braccio singolo ha arruolato pazienti con carcinoma rinofaringeo ricorrente / metastatico che erano refrattari almeno alla terapia sistemica di prima linea e naive al trattamento agli inibitori del checkpoint immunitario.

I pazienti hanno ricevuto Camrelizumab 200 mg una volta ogni 3 settimane e Apatinib 250 mg una volta al giorno.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ).
Gli endpoint secondari chiave includevano il tasso di controllo della malattia, la sopravvivenza libera da progressione, la durata della risposta, la sopravvivenza globale e la sicurezza.

Tra il 2020 e il 2021 sono stati arruolati 58 pazienti e tutti sono stati inclusi nel set di analisi di efficacia e sicurezza. Il tasso di risposta obiettiva è stato del 65.5% e il tasso di controllo della malattia è stato dell'86.2%.

La durata mediana della risposta non è stata raggiunta e la sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 10.4 mesi, con una durata mediana del follow-up di 12.4 mesi.

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o superiore sono stati riportati in 34 pazienti ( 58.6% ), i più comuni sono stati: ipertensione ( 19.0% ), necrosi nasofaringea ( 15.5% ), cefalea ( 12.1% ), aumento della aspartato transaminasi ( 10.3% ) e aumento della creatina fosfochinasi ( 10.3% ).

In tutto 16 pazienti ( 27.6% ) hanno interrotto il trattamento con Apatinib prima della progressione a causa di eventi avversi correlati al trattamento insopportabili, e la complicanza più comune è stata la necrosi nasofaringea ( 9 su 16; 56.3% ).

Le lesioni rinofaringee ricorrenti ( odds ratio, OR=5.94 ) e la reirradiazione ( OR=5.33 ) sono risultate significativamente correlate positivamente con la necrosi nasofaringea.

La combinazione Camrelizumab e Apatinib ha mostrato una promettente attività antitumorale nei pazienti con carcinoma rinofaringeo recidivante / refrattario, metastatico, che hanno fallito la terapia di prima linea.

Eventi avversi correlati al trattamento da moderati a gravi sono stati riscontrati nel 58.6% dei casi, compresa la necrosi nasofaringea associata a recidiva locale e una storia di reirradiazione. ( Xagena2023 )

Ding X et al, J Clin Oncol 2023; 41: 2571-2582

Oto2023 Onco2023 Farma2023



Indietro