Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Ematobase.it

Capecitabina adiuvante dopo concomitante trattamento chemioradioterapico nel carcinoma rinofaringeo locoregionale avanzato


L'induzione o la chemioterapia adiuvante con chemioradioterapia concomitante ( CCRT ) sono opzioni terapeutiche di prima linea per il trattamento del carcinoma nasofaringeo locoregionale avanzato ( LA-NPC ).
I regimi adiuvanti a base di Platino sono, tuttavia, scarsamente tollerati, evidenziando il bisogno insoddisfatto di un regime adiuvante efficace e tollerabile.

Sono state studiate l'efficacia e la sicurezza della Capecitabina ( Xeloda ) adiuvante con chemioradioterapia concomitante per il trattamento di pazienti con carcinoma nasofaringeo locoregionale avanzato.

Uno studio clinico randomizzato in aperto ha reclutato pazienti dal 2014 al 2018 presso 3 centri in Cina, con almeno 3 anni di follow-up.
La data limite per la raccolta dei dati è stata nel febbraio 2022.

L'ammissibilità includeva carcinoma nasofaringeo in stadio III-IVb e almeno uno dei seguenti: T3-4N2 o T1-4N3; titolo plasmatico del DNA del virus di Epstein-Barr superiore a 20.000 copie/ml; volume del tumore primario superiore a 30.0 cm3; valore standard massimo di captazione del volume del tumore primario maggiore di 10.0 con la tomografia a emissione di positroni / tomografia computerizzata con fluorodesossiglucosio F18 [ 18F FDG ] ); o metastasi linfonodali multiple e qualsiasi di esse più grande di 4.0 cm.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Capecitabina ( 1.000 mg/m2 due volte al giorno per 14 giorni ogni 3 settimane per 8 cicli ) o osservazione dopo concomitante chemioradioterapia ( 100 mg/m2 di Cisplatino ogni 3 settimane per 2-3 cicli, a seconda della durata della radioterapia ).

Sono stati arruolati 180 pazienti ( età mediana, 47 anni; 143 uomini, 79.4% ). Tra i 90 pazienti nel gruppo Capecitabina, 76 ( 84.4% ) presentavano almeno 2 fattori ad alto rischio; tra i 90 pazienti nel gruppo di controllo, 80 ( 88.9% ) presentavano almeno 2 fattori ad alto rischio.

Tutti i pazienti hanno completato la concomitante chemioradioterapia, tranne 1 paziente nel gruppo Capecitabina che ha ricevuto 1 ciclo di Cisplatino.
Dei 90 pazienti nel gruppo Capecitabina, 85 ( 94.4% ) hanno ricevuto Capecitabina, con 71 ( 78.9% ) che hanno completato 8 cicli.

Con un follow-up mediano di 58.0 mesi, sono stati registrati 18 eventi nel gruppo Capecitabina contro 31 eventi nel gruppo controllo.

La sopravvivenza libera da fallimento è migliorata con Capecitabina adiuvante ( 3 anni, 83.3% vs 72.2%; 5 anni, 78.5% vs 65.9%; hazard ratio, HR=0.53; P=0.03 ).

L'incidenza di eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 è risultata maggiore nel gruppo Capecitabina rispetto al gruppo controllo ( 54 pazienti su 90, 60.0%, vs 46 pazienti su 90, 51.1% ).

Gli eventi avversi correlati al trattamento includevano xerostomia ( 17 pazienti, 18.9%, vs 9, 10.0% ), mucosite ( 21 pazienti, 23.3%, vs 15, 16.7% ) e anoressia ( 8 pazienti, 8.9%, vs 4, 4.4% ).

L'incidenza di eventi avversi ritardati correlati al trattamento di grado 3 è stata paragonabile in entrambi i gruppi ( 9 pazienti su 83, 10.8%, vs 7 su 81, 8.6% ).

In questo studio clinico randomizzato, la Capecitabina adiuvante alla dose piena dopo concomitante chemioradioterapia è risultata ben tollerata e ha migliorato la sopravvivenza libera da fallimento tra i pazienti con carcinoma nasofaringeo locoregionale avanzato e fattori ad alto rischio.
Sono necessarie ulteriori indagini per valutare la dose e la durata ottimali. ( Xagena2022 )

Miao J et al, JAMA Oncol 2022; 8: 1776-1785

Oro2022 Onco2022 Farma2022



Indietro