GSK Infettivologia
Vertigini
Forum Infettivologico
Xagena Mappa

Cetuximab, Docetaxel e Cisplatino rispetto a Platino, Fluorouracile e Cetuximab come trattamento di prima linea nei pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo ricorrente o metastatico: studio GORTEC 2014-01 TPExtreme


I risultati di uno studio di fase 2 del regime chemioterapico TPEx ( Docetaxe l- Platino - Cetuximab ) si sono dimostrati promettenti, con una sopravvivenza globale mediana di 14.0 mesi nel carcinoma a cellule squamose del testa-collo ( HNSCC ) ricorrente o metastatico di prima linea.

Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza del regime TPEx con il regime standard di cura EXTREME ( Platino - Fluorouracile - Cetuximab ) in questo contesto.

Uno studio multicentrico, in aperto, randomizzato, di fase 2, è stato condotto in 68 centri ( centri oncologici, ospedali universitari e generali e cliniche private ) in Francia, Spagna e Germania.
I pazienti idonei avevano un'età compresa tra 18 e 70 anni con tumore HNSCC ricorrente o metastatico confermato istologicamente non-idoneo al trattamento curativo; avevano almeno una lesione misurabile secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1; e avevano un Eastern Cooperative Oncology Group performance status ( ECOG ) pari o inferiore a 1.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al regime TPEx o al regime EXTREME, con minimizzazione in base a ECOG performance status, tipo di evoluzione della malattia, precedente trattamento con Cetuximab e Paese.

Il regime TPEx consisteva in Docetaxel 75 mg/m2 e Cisplatino 75 mg/m2, entrambi per via endovenosa il giorno 1, e Cetuximab nei giorni 1, 8 e 15 ( per via endovenosa 400 mg/m2 il giorno 1 del ciclo 1 e 250 mg/m2 settimanalmente in tempi successivi ).
Sono stati ripetuti 4 cicli ogni 21 giorni con supporto sistematico del fattore stimolante le colonie granulocitarie ( G-CSF ) ad ogni ciclo.

In caso di controllo della malattia dopo quattro cicli, Cetuximab 500 mg/m2 per via endovenosa è stato somministrato ogni 2 settimane come terapia di mantenimento fino a progressione o tossicità inaccettabile.

Il regime EXTREME consisteva in Fluorouracile 4.000 mg/m2 il giorno 1-4, Cisplatino 100 mg/m2 il giorno 1 e Cetuximab nei giorni 1, 8 e 15 ( 400 mg/m2 il giorno 1 del ciclo 1 e 250 mg/m2 settimanalmente in tempi successivi ) tutti somministrati per via endovenosa.

Sono stati somministrati 6 cicli ogni 21 giorni seguiti da Cetuximab 250 mg/m2 settimanalmente come terapia di mantenimento in caso di controllo della malattia.
Il supporto di G-CSF non era obbligatorio per il protocollo nel regime EXTREME.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale nella popolazione intent-to-treat; la sicurezza è stata analizzata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di chemioterapia o Cetuximab.

Tra il 2014 e il 2017, 541 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale ai due regimi di trattamento: 271 a TPEx, 270 a EXTREME.
2 pazienti nel gruppo TPEx hanno presentato deviazioni importanti nei moduli di consenso e non sono stati inclusi nell'analisi finale.

Il follow-up mediano è stato di 34.4 mesi nel gruppo TPEx e di 30.2 mesi nel gruppo EXTREME.

Al cutoff dei dati, la mortalità è stata di 209 pazienti nel gruppo TPEx e di 218 nel gruppo EXTREME.

La sopravvivenza globale non è variata significativamente tra i gruppi ( mediana 14.5 mesi nel gruppo TPEx e 13.4 mesi nel gruppo EXTREME; hazard ratio, HR=0.89, P=0.23 ).
214 pazienti su 263 ( 81% ) nel gruppo TPEx rispetto a 246 su 265 ( 93% ) nel gruppo EXTREME hanno presentato eventi avversi di grado 3 o peggiore durante la chemioterapia ( P minore di 0.0001 ).

Nel gruppo TPEx, 118 pazienti su 263 ( 45% ) hanno avuto almeno un evento avverso grave rispetto a 143 pazienti su 265 ( 54% ) nel gruppo EXTREME.
16 pazienti nel gruppo TPEx e 21 nel gruppo EXTREME sono deceduti, inclusi 7 pazienti in ciascun gruppo che hanno avuto infezioni fatali ( inclusa neutropenia febbrile ).
In tutto 8 decessi nel gruppo TPEx e 11 decessi nel gruppo EXTREME sono stati considerati correlati al trattamento, più frequentemente sepsi o shock settico, ( 4 in ciascun gruppo di trattamento ).

Sebbene lo studio non abbia raggiunto il suo endpoint primario, senza un miglioramento significativo della sopravvivenza globale con TPEx rispetto a EXTREME, il regime TPEx ha avuto un profilo di sicurezza favorevole.

Il regime TPEx potrebbe fornire un'alternativa allo standard di cura con il regime EXTREME nel trattamento di prima linea di pazienti con carcinoma a cellule squamose del testa-collo ricorrente o metastatico, soprattutto per coloro che potrebbero non essere buoni candidati per il trattamento iniziale con Pembrolizumab. ( Xagena2021 )

Guigay J et al, Lancet Oncology 2021; 22: 463-475

Neuro2021 Oto2021 Onco2021 Farma2021


Indietro