Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Ematobase.it

Chemioradioterapia concomitante seguita da Cisplatino - Gemcitabina adiuvante versus chemioterapia Cisplatino - Fluorouracile per il carcinoma nasofaringeo N2-3


I pazienti con carcinoma nasofaringeo N2-3 hanno un alto rischio di insuccesso del trattamento nonostante l'attuale pratica di utilizzo di un regime adiuvante concomitante Cisplatino - Fluorouracile.

Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza dell'adiuvante concomitante Cisplatino-Gemcitabina con Cisplatino-Fluorouracile nel carcinoma nasofaringeo N2-3.

È stato condotto uno studio di fase 3 in aperto, randomizzato e controllato in quattro Centri oncologici in Cina. I pazienti eleggibili avevano un'età compresa tra 18 e 65 anni con carcinoma nasofaringeo non-trattato, non-cheratinizzante, stadio T1-4 N2-3 M0, un punteggio ECOG performance status pari a 0-1 e un'adeguata funzionalità del midollo osseo, del fegato e dei reni.

I pazienti eleggibili sono stati assegnati in modo casuale a ricevere in concomitanza Cisplatino ( 100 mg/m2 per via endovenosa ) nei giorni 1, 22 e 43 della radioterapia ad intensità modulata, seguito da Gemcitabina (1 g/m2 per via endovenosa nei giorni 1 e 8 ) e Cisplatino ( 80 mg/m2 per via endovenosa per 4 ore il giorno 1 ) una volta ogni 3 settimane o Fluorouracile ( 4 g/m2 in infusione endovenosa continua per 96 ore ) e Cisplatino ( 80 mg/m2 per via endovenosa per 4 ore il giorno 1 ) una volta ogni 4 settimane, per 3 cicli.

La randomizzazione è stata effettuata stratificando per centro di trattamento e categoria linfonodale.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione a 3 anni nella popolazione intention-to-treat ( ITT; tutti i pazienti assegnati in modo casuale al trattamento ).
La sicurezza è stata valutata in tutti i partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose di chemioradioterapia.

Dal 2017 al 2020, 240 pazienti ( età mediana 44 anni; 175 maschi, 73%, e 65 femmine, 27% ) sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Cisplatino-Fluorouracile ( n=120 ) o al gruppo Cisplatino-Gemcitabina ( n=120 ).

Al momento del cutoff dei dati nel dicembre 2022, il follow-up mediano era di 40 mesi.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a 3 anni è stata dell'83.9% ( 19 progressioni della malattia e 11 decessi ) nel gruppo Cisplatino - Gemcitabina e del 71.5% ( 34 progressioni della malattia e 7 decessi ) nel gruppo Cisplatino - Fluorouracile ( hazard ratio stratificato, HR=0.54; log ranking P=0.023 ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o peggiore verificatisi durante il trattamento sono stati: leucopenia ( 61 su 117, 52% nel gruppo Cisplatino-Gemcitabina vs 34 su 116, 29%, nel gruppo Cisplatino-Fluorouracile; P=0.00039 ), neutropenia ( 37, 32%, vs 19, 16%; P=0.010 ) e mucosite ( 27, 23%, vs 32, 28%; P=0.43 ).

L'evento avverso tardivo di grado 3 o peggiore più comune ( verificatosi a partire da 3 mesi dopo il completamento della radioterapia ) è stata la perdita dell'udito o del processo uditivo ( 6, 5%, vs 10, 9% ).

Un paziente ( 1% ) nel gruppo Cisplatino-Gemcitabina è deceduto a causa di complicanze correlate al trattamento ( shock settico causato da infezione neutropenica ).
Nessun paziente nel gruppo Cisplatino-Fluorouracile ha avuto decessi correlati al trattamento.

I risultati hanno indicato che la terapia adiuvante concomitante Cisplatino - Gemcitabina potrebbe essere utilizzata come terapia adiuvante nel trattamento di pazienti con carcinoma nasofaringeo N2-3, sebbene sia necessario un follow-up a lungo termine per confermare il rapporto terapeutico ottimale. ( Xagena2023 )

Liu LT et al, Lancet Oncology 2023; 24: 798-810

Oto2023 Onco2023 Farma2023



Indietro