GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Disfonia, disfagia comune nell'infiammazione multisistemica pediatrica correlata a COVID


La disfonia, la disfagia e l'anosmia / iposmia sono state le manifestazioni otorinolaringoiatriche più comuni in una piccola coorte di bambini con sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica temporaneamente associata a COVID-19 ( PIMS-TS ).

La sindrome PIMS-TS è stata definita come febbre persistente, infiammazione ed evidenza di disfunzione singola o multiorgano, con esclusione di qualsiasi altra causa microbica e con risultati del test di reazione a catena della polimerasi ( PCR ) per SARS-CoV-2 positivo o negativo.

Negli Stati Uniti, questa condizione è stata definita dal CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ) come sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini [ MIS-C ], con una definizione più specifica.

Per analizzare le manifestazioni otorinolaringoiatriche della sindrome PIMS-TS nei bambini, i ricercatori del Great Ormond Street Hospital for Children di Londra hanno condotto uno studio di coorte osservazionale esplorativo monocentrico.
Sono stati esaminati i dati anonimi delle cartelle cliniche elettroniche di 50 pazienti minorenni che hanno soddisfatto la definizione di sindrome PIMS-TS tra 1 aprile 2020 e 22 giugno 2020.
Ulteriori dati sono stati raccolti attraverso lo screening telefonico di follow-up per i sintomi otorinolaringoiatrici.

L'età media dei 50 pazienti era di 10 anni. Due terzi erano di sesso maschile e il 72% era di razza o etnia nera, asiatica o sottorappresentata.
Il tempo mediano tra la presentazione acuta con sindrome PIMS-TS e lo screening di follow-up per le manifestazioni otorinolaringoiatriche è stato di 60 giorni.
Quasi un quarto dei bambini aveva risultati COVID-19 positivi dai test PCR, mentre l'84% ha dimostrato positività agli anticorpi IgG contro la malattia sulla base dei test sierologici.
Inoltre, il 76% ha richiesto il ricovero in una terapia intensiva pediatrica e il 36% è stato sottoposto a intubazione per ventilazione meccanica.

Dopo lo screening telefonico iniziale per le manifestazioni otorinolaringoiatriche, il 38% ha richiesto un ulteriore follow-up con un otorinolaringoiatra.
Questi follow-up erano necessari per i sintomi otorinolaringoiatrici, i più comuni dei quali erano disfonia, disfagia e anosmia / iposmia. Questi sintomi erano persistenti nel 30% dei pazienti al momento dello screening di follow-up e presenti in modo significativo durante la presentazione acuta della sindrome PIMS-TS nell'8%.

Poiché le conseguenze a lungo termine della sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica temporaneamente associata a COVID-19 sono sconosciute, è prudente che i bambini con una storia di sindrome PIMS-TS vengano rivalutati entro 12 mesi e indirizzati all'otorinolaringoiatra nel caso di sintomi persistenti. ( Xagena2020 )

Fonte: JAMA Otolaryngology - Head & Neck Surgery, 2020

Inf2020 Pedia2020 Oto2020



Indietro