GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Effetto della sola radioterapia rispetto alla chemioradioterapia concomitante sulla sopravvivenza senza recidiva della malattia nei pazienti con carcinoma rinofaringeo a basso rischio


La chemioradioterapia concomitante è stata il trattamento standard per il carcinoma nasofaringeo ( NPC ) in stadio II sulla base dei dati che utilizzano la radioterapia convenzionale bidimensionale. Ci sono prove limitate per il ruolo della chemioterapia con l'uso della radioterapia a intensità modulata ( IMRT ).

Si è valutato se la chemioterapia concomitante possa essere omessa in modo sicuro per i pazienti con carcinoma NPC in stadio II/T3N0 a basso rischio trattati con radioterapia a intensità modulata.

Uno studio clinico multicentrico, in aperto, randomizzato, di fase 3, di non-inferiorità è stato condotto in 5 ospedali cinesi, e ha incluso 341 pazienti adulti con carcinoma NPC a basso rischio, definito come stadio II/T3N0M0 senza caratteristiche avverse ( tutti i linfonodi minori di 3 cm, nessun linfonodo di livello IV/Vb, nessuna estensione extralinfonodale, DNA del virus di Epstein-Barr inferiore a 4.000 copie/ml ), con arruolamento tra il 2015 e il 2020.
La data finale del follow-up era nel 2022.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere radioterapia a intensità modulata da sola ( n=172 ) o chemioradioterapia concomitante ( IMRT con Cisplatino, 100 mg/m2 ogni 3 settimane per 3 cicli, n=169 ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da fallimento a 3 anni ( tempo dalla randomizzazione a qualsiasi recidiva di malattia o morte ), con un margine di non-inferiorità del 10%.
Gli endpoint secondari comprendevano la sopravvivenza globale, la sopravvivenza libera da recidive locoregionali, la sopravvivenza libera da metastasi a distanza, gli eventi avversi e la qualità di vita correlata alla salute ( QOL ) misurata dalla European Organisation for Research and Treatment of Cancer Quality of Life Questionnaire ( QLQ- C30; range, 0-100 punti; differenza clinicamente importante minima maggiore o uguale a 10 per la funzione fisica, il controllo dei sintomi o la qualità di vita correlata alla salute; un punteggio più alto ad indicare un migliore funzionamento e stato di salute globale o sintomi peggiori ).

Tra 341 pazienti randomizzati ( età media, 48 anni; 30% donne ), 334 ( 98.0% ) hanno completato lo studio.
Il follow-up mediano è stato di 46 mesi.

La sopravvivenza libera da fallimento a 3 anni è stata del 90.5% per il gruppo IMRT da sola versus 91.9% per il gruppo di chemioradioterapia concomitante ( differenza, -1.4%; P per non-inferiorità minore di 0.001 ).

Non sono state osservate differenze significative tra i gruppi in termini di sopravvivenza globale, recidiva locoregionale o metastasi a distanza.
Il gruppo IMRT da sola ha sperimentato un'incidenza significativamente più bassa di eventi avversi di grado da 3 a 4 ( 17% vs 46%; differenza, -29% ), comprese le tossicità ematologiche ( leucopenia, neutropenia ) e le tossicità non-ematologiche ( nausea, vomito, anoressia, calo ponderale, mucosite ).

Il gruppo IMRT da sola ha ottenuto punteggi di qualità di vita significativamente migliori durante la radioterapia, inclusi i domini di stato di salute globale, funzionamento sociale, affaticamento, nausea e vomito, dolore, insonnia, perdita di appetito e stitichezza.

Tra i pazienti con carcinoma nasofaringeo a basso rischio, il trattamento con la sola radioterapia a intensità modulata ha determinato una sopravvivenza libera da insuccesso a 3 anni non-inferiore alla chemioradioterapia concomitante. ( Xagena2022 )

Tang LL, JAMA 2022; 328: 728-736

Oto2022 Onco2022



Indietro