Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute
Neurobase.it

Esiti del carcinoma cutaneo a cellule squamose nella regione del testa-collo con metastasi ai linfonodi regionali


È necessario riassumere le evidenze disponibili e fornire dati quantitativi dei più importanti fattori prognostici per i pazienti con carcinoma cutaneo a cellule squamose metastatico della regione della testa e del collo con metastasi ai linfonodali regionali ( McSCCHN ).

È stata realizzata una revisione sistematica e una meta-analisi PRISMA di tutti gli studi pubblicati sui fattori di rischio per sopravvivenza generale ( OS ), controllo locoregionale ( LRC ), recidiva locoregionale ( LRR ) e sopravvivenza specifica per malattia ( DSS ) per i pazienti con tumore McSCCHN.

Sono stati selezionati studi clinici randomizzati o studi osservazionali che riportavano gli esiti di almeno 10 pazienti con tumore McSCCHN; studi che analizzavano 1 fattore di rischio definito; segnalazione di sopravvivenza generale, controllo locoregionale, recidiva locoregionale e sopravvivenza specifica per malattia; e con follow-up clinico di 1 anno o più.
Per l'analisi finale sono stati inclusi i fattori di rischio che sono stati analizzati per lo stesso esito in almeno 3 studi.
21 articoli hanno soddisfatto i criteri di inclusione.

Sono state utilizzate le linee guida PRISMA per l'estrazione dei dati.
Il rischio di parzialità è stato stimato con la scala di Newcastle-Ottawa.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale. Gli endpoint secondari includevano controllo locoregionale, recidiva locoregionale e sopravvivenza specifica per malattia.

Sono stati identificati in totale 20 studi osservazionali e 1 studio clinico randomizzato, che rappresentavano 3.534 pazienti ( alcuni articoli recensiti non riportavano caratteristiche demografiche ) e sono stati inclusi nell'analisi.

I fattori di rischio significativi associati alla sopravvivenza globale erano l'immunosoppressione ( hazard ratio [ HR ] di morte, 2.66 ), diffusione extracapsulare ( HR, 1.90 ), radioterapia adiuvante ( HR, 0.45 ), rapporto linfonodale ( HR, 1.91 ) ed età avanzata ( HR 1.03 ).
Anche l’immunosoppressione ( HR, 3.82 ) e la radioterapia adiuvante ( HR, 0.52 ) erano fattori di rischio significativi per la sopravvivenza malattia-specifica.

I pazienti immunodepressi e quelli con estensione extracapsulare hanno una prognosi infausta. La radioterapia adiuvante è associata a un miglioramento della sopravvivenza globale.
Questi fattori di rischio contribuiscono a una migliore stratificazione del rischio e possono anche contribuire a informare le future sperimentazioni cliniche. ( Xagena2019 )

Sahovaler A et al, JAMA Otolaryngol Head Neck Surg 2019; 145: 352-360

Neuro2019 Onco2019 Dermo2019 Oto2019



Indietro