Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute
Farmaexplorer.it

I corticosteroidi non sembrano produrre benefici nella rinosinusite acuta


Non è stata riscontrata differenza tra il Prednisolone per os e il placebo, nella risoluzione dei sintomi principali della rinosinusite acuta, e nessuna differenza nella velocità di risoluzione.
Pertanto, non esiste alcun razionale per l'impiego dei corticosteroidi nella popolazione dei pazienti con rinosinusite acuta clinicamente diagnosticata.
Tuttavia, non è stata esclusa la possibilità che alcuni sottogruppi di pazienti con rinosinusite acuta, quelli ad esempio con sintomi cronici, potrebbero trarre beneficio dai corticosteroidi sistemici.

La rinosinusite acuta è di solito diagnosticata sulla base di segni e sintomi clinici, test di laboratorio, mentre le procedure di imaging sono raramente utilizzate in medicina generale.

Nonostante la mancanza di evidenza, si continuano a prescrivere corticosteroidi. Per colmare le conoscenze, è stato condotto uno studio clinico che ha coinvolto 68 medici di famiglia, in Olanda nel periodo 2008-2011.

I pazienti con rinosinusite acuta sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 30 mg al giorno di Prednisolone oppure placebo, per 7 giorni.

Ai pazienti è stato chiesto di compilare un diario dei sintomi per 14 giorni.

L'endpoint primario era rappresentato dalla percentuale di pazienti con risoluzione del dolore facciale o della sensazione di pressione entro il periodo di trattamento.

Dei 185 pazienti arruolati, due si sono ritirati e 9 sono stati esclusi a causa della segnalazione incompleta dei sintomi.
Dei restanti 174, 88 sono stati trattati con Prednisolone e 86 con placebo.

Al giorno 7, il 62.5% di quelli che erano in trattamento con gli steroidi sono andati incontro a risoluzione del dolore facciale o della sensazione di pressione, rispetto al 55.8% di quelli trattati con placebo.

La differenza di rischio assoluto è stata del 6.7%, ma con un ampio intervallo di confidenza.

La durata media del dolore facciale è stata di 4.5 giorni per i pazienti del gruppo Prednisolone e di 5 per i pazienti trattati con placebo ( differenza non significativa ); la durata dei sintomi totali ( combinazione di naso gocciolante, scarico retronasale, congestione nasale, tosse e dolore facciale ) è stata di 7 giorni per Prednisolone e 9 per il placebo ( differenza non significativa ).

Gli eventi avversi sono stati lievi, senza differenze tra i due gruppi.

I pazienti sono stati inclusi in base all’esame clinico, piuttosto che da un esame radiologico. C’è evidenza di un beneficio per gli steroidi quando la radiologia viene utilizzata per valutare i pazienti. ( Xagena2012 )

Fonte: Canadian Medical Association Journal, 2012

Oto2012 Med2012 Farma2012


Indietro