Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Farmaexplorer.it

Iperfrazionamento rispetto al frazionamento standard nella radioterapia a intensità modulata per i pazienti con carcinoma rinofaringeo ricorrente localmente avanzato


La reirradiazione nel frazionamento standard per il carcinoma rinofaringeo ricorrente localmente avanzato dopo un precedente ciclo di radioterapia ad alte dosi è spesso associata a una sostanziale tossicità tardiva, che ne annulla il beneficio complessivo.

Sono state studiate l'efficacia e la sicurezza dell'iperfrazionamento rispetto al frazionamento standard nella radioterapia a intensità modulata.

Questo studio multicentrico, randomizzato, in aperto, di fase 3 è stato condotto in tre centri a Guangzhou, in Cina. I pazienti eleggibili avevano un'età compresa tra 18 e 65 anni con carcinoma nasofaringeo indifferenziato o differenziato confermato istopatologicamente, non-cheratinizzante, avanzato, localmente ricorrente.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere l'iperfrazionamento ( 65 Gy in 54 frazioni, somministrato due volte al giorno con un intervallo di tempo tra le frazioni di almeno 6 ore ) o il frazionamento standard ( 60 Gy in 27 frazioni, somministrato una volta al giorno ).
La radioterapia ad intensità modulata è stata utilizzata in entrambi i gruppi.

La randomizzazione è stata stratificata per centro di trattamento, stadio del tumore ricorrente ( T2-T3 vs T4 ) e stadio linfonodale ricorrente ( N0 vs N1-N2 ), determinato al momento della randomizzazione.

I due endpoint primari erano l'incidenza di gravi complicanze tardive definite come l'incidenza di complicanze tardive indotte da radiazioni di grado 3 o superiore che si sono verificate 3 mesi dopo il completamento della radioterapia fino all'ultimo follow-up nella popolazione di sicurezza e la sopravvivenza globale definita come l’intervallo di tempo dalla randomizzazione al decesso per qualsiasi causa nella popolazione intent-to-treat ( ITT ).

Tra il 2015 e il 2019, 178 pazienti sono stati sottoposti a screening per l'idoneità, 144 dei quali sono stati arruolati e assegnati in modo casuale all'iperfrazionamento o al frazionamento standard ( n=72 in ciascun gruppo ). 35 partecipanti ( 24% ) erano donne e 109 ( 76% ) erano uomini.

Dopo un follow-up mediano di 45.0 mesi, c'è stata un'incidenza significativamente inferiore di tossicità tardiva indotta da radiazioni di grado 3 o superiore nel gruppo di iperfrazionamento ( 23 su 68 pazienti, 34% ) rispetto al gruppo di frazionamento standard ( 39 su 68 pazienti, 57%; differenza tra i gruppi -23%; P=0.023 ).

I pazienti nel gruppo con iperfrazionamento hanno avuto una sopravvivenza globale a 3 anni migliore rispetto a quelli nel gruppo con frazionamento standard ( 74.6% vs 55.0%; hazard ratio per la morte 0.54; P=0.014 ).

Ci sono state meno complicanze tardive di grado 5 nel gruppo di iperfrazionamento ( 5 emorragie nasali, 7% ) rispetto al gruppo di frazionamento standard ( 16, 24%, incluse 2 necrosi nasofaringee, 3%, 11 emorragie nasali, 16%, e 3 necrosi del lobo temporale, 4% ).

La radioterapia con intensità modulata iperfrazionata potrebbe ridurre significativamente il tasso di gravi complicanze tardive e migliorare la sopravvivenza globale tra i pazienti con carcinoma rinofaringeo ricorrente localmente avanzato.

I risultati hanno indicato che la radioterapia a intensità modulata iperfrazionata possa essere utilizzata come standard di cura per questi pazienti. ( Xagena2023 )

You R et al, Lancet 2023; 401: 917-927

Oto2023 Onco2023



Indietro