Forum Infettivologico
Vertigini
GSK Infettivologia
Xagena Mappa

Manifestazioni otorinolaringoiatriche nella sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica temporalmente associata a COVID-19


Come conseguenza delle crescenti segnalazioni di una presentazione insolita e nuova di una malattia infiammatoria multisistemica nel Regno Unito, il Royal College of Paediatrics and Child Health ha pubblicato una definizione di sindrome multisistemica infiammatoria pediatrica temporalmente associata alla malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ) ( PIMS-TS ).

PIMS-TS è stata definita come febbre persistente, infiammazione ed evidenza di disfunzione singola o multiorgano, con esclusione di qualsiasi altra causa microbica e con risultati positivi o negativi del test della reazione a catena della polimerasi per sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2 ( SARS-CoV-2 ).

Negli Stati Uniti, questa condizione è stata definita dal CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ) come sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini, con una definizione di caso più specifica.

È stato condotto uno studio di coorte osservazionale esplorativo in un singolo centro sulle manifestazioni otorinolaringoiatriche di bambini di età pari o inferiore a 18 anni che si sono presentati a un team multidisciplinare PIMS-TS di un ospedale pediatrico il 1 aprile e il 22 giugno 2020, che hanno soddisfatto la definizione per PIMS-TS.

Le informazioni anonime sui pazienti sono state riportate senza deviazioni significative dall'assistenza clinica standard come parte del progetto di miglioramento della qualità osservazionale.
I dati clinici e demografici dei pazienti sono stati recuperati attraverso la revisione retrospettiva delle cartelle cliniche e lo screening telefonico di follow-up per le manifestazioni otorinolaringoiatriche.

In totale, 50 bambini hanno soddisfatto la definizione di caso di PIMS-TS. L'età media era di 10 anni; 33 su 50 ( 66% ) erano maschi e 36 su 50 ( 72% ) erano neri, asiatici o di altra minoranza.
Il tempo mediano tra la presentazione acuta con PIMS-TS e lo screening di follow-up per le manifestazioni otorinolaringoiatriche è stato di 60 giorni.

Dei 50 bambini, 12 ( 24% ) hanno avuto risultati positivi dai test di reazione a catena della polimerasi per rilevare SARS-CoV-2 e 42 ( 84% ) avevano anticorpi immunoglobulina G positivi contro SARS-CoV-2 ai test sierologici.

Dei 50 bambini, 38 ( 76% ) hanno richiesto il ricovero in un'Unità di terapia intensiva pediatrica ( PICU ) e 18 ( 36% ) hanno richiesto l'intubazione per ventilazione meccanica.

In totale, 19 su 50 pazienti con PIMS-TS ( 38% ) sottoposti a screening di follow-up telefonico per manifestazioni otorinolaringoiatriche hanno richiesto un ulteriore follow-up di persona con un otorinolaringoiatra.

Questi follow-up sono stati necessari per le manifestazioni otorinolaringoiatriche, che erano rappresentate più comunemente disfonia, disfagia e anosmia / iposmia, ed erano persistenti al momento dello screening di follow-up ( 15 su 50 bambini, 30% ) o erano significativamente presenti durante la presentazione di PIMS-TS acuta ( 4 bambini su 50, 8% ).

Elevati tassi di manifestazioni otorinolaringoiatriche, come disfonia, disfagia e anosmia / iposmia, che persistono per più di 6 settimane giustificano lo screening e la revisione otorinolaringoiatria di follow-up come richiesto dal team multidisciplinare per tutti i bambini che si stanno riprendendo da PIMS-TS.

Esistono diverse spiegazioni per le manifestazioni otorinolaringoiatriche all'interno della popolazione adulta con COVID-19 che sono possibili caratteristiche eziologiche di PIMS-TS. La disfonia, ad esempio, può essere causata dal coinvolgimento laringeo del processo infiammatorio delle vie aeree che porta a edema o infiammazione delle corde vocali.

È stato suggerito che i sintomi otorinolaringoiatrici, come anosmia e disgeusia, siano dovuti all'infezione preferenziale da SARS-CoV-2 dell'epitelio nasale attraverso l'espressione della proteina dell'enzima di conversione dell'angiotensina 2 ( ACE2 ).

Si ritiene che la disfagia e la disfonia post-intubazione durante la pandemia di COVID-19 siano il risultato di traumi orofaringei e laringei e debolezza neuromuscolare come conseguenza del mancato uso prolungato delle strutture durante l'intubazione a lungo termine.

Sono necessari ulteriori studi per identificare fattori associati al paziente e alla malattia, come etnia o necessità di intubazione, che possono aumentare il rischio di sequele otorinolaringoiatriche persistenti.
Poiché le sequele a lungo termine di questa malattia sono sconosciute, è prudente che i bambini con una storia di sindrome multisistemica infiammatoria pediatrica temporalmente associata alla malattia vengano rivalutati dal team di malattie infettive entro 12 mesi e indirizzati all'otorinolaringoiatria per eventuali sintomi persistenti.
Questo studio presenta il limite dell'essere uno studio monocentrico. ( Xagena2021 )

Cheong RCT et al, JAMA Otolaryngol Head Neck Surg 2021; 147: 482-484

Oto2021 Inf2021



Indietro