Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Farmaexplorer.it

Pembrolizumab versus Cetuximab in concomitanza con radioterapia nei pazienti con carcinoma a cellule squamose localmente avanzato della testa e del collo non-idonei al Cisplatino: studio GORTEC 2015-01 PembroRad


È stato valutato il potenziale effetto sinergico di Pembrolizumab ( Keytruda ) con la radioterapia ( RT ) rispetto a Cetuximab ( Erbitux ) più radioterapia standard di cura ( SOC ) nei pazienti con carcinoma a cellule squamose localmente avanzato del testa-collo ( LA-SCCHN ).

Sono stati arruolati pazienti con carcinoma a cellule squamose di stadio III-IV non-operato della cavità orale, dell'orofaringe, dell'ipofaringe e della laringe e non-idonei a ricevere Cisplatino ad alte dosi.

I pazienti hanno ricevuto radioterapia una volta al giorno fino a 69.96 Gy in 33 frazioni con Cetuximab settimanale ( braccio Cetuximab-radioterapia ) oppure Pembrolizumab 200 mg una volta al giorno durante la radioterapia ( braccio Pembrolizumab-radioterapia ).

L'endpoint primario era il tasso di controllo locoregionale ( LRC ) 15 mesi dopo la radioterapia. Per rilevare una differenza tra i bracci del 60%-80% nel controllo locoregionale a 15 mesi, era necessaria l'inclusione di 66 pazienti per braccio per raggiungere una potenza di almeno 0.85 a un livello di significatività bilaterale di 0.20.

Nel periodo 2016-2017, 133 pazienti sono stati randomizzati a Cetuximab- radioterapia ( n=66 ) e Pembrolizumab-radioterapia ( n=67 ). 2 pazienti ( uno in ciascun braccio ) non sono stati inclusi nell'analisi ( una revoca del consenso e una progressione prima dell'inizio del trattamento ).
L'età media era di 65 anni, il 92% erano fumatori, il 60% erano tumori orofaringei ( 46% dell’orofaringe con p16+ ) e il 75% era allo stadio IV.

Il follow-up mediano è stato di 25 mesi in entrambi i bracci.

Il tasso di controllo locoregionale a 15 mesi è stato del 59% con Cetuximab-radioterapia e del 60% con Pembrolizumab-radioterapia ( odds ratio, OR=1.05; P=0.91 ).

Non è stata riscontrata alcuna differenza significativa tra i bracci per la sopravvivenza libera da progressione ( hazard ratio, HR=0.85; P=0.47 ) e per la sopravvivenza globale ( HR=0.83; P=0.49 ).

La tossicità è stata inferiore nel braccio Pembrolizumab-radioterapia rispetto al braccio Cetuximab-radioterapia: 74% vs 92% dei pazienti con almeno un evento avverso di grado maggiore o uguale a 3 ( P=0.006 ), principalmente dovuta a mucosite, radiodermite e rash.

Rispetto allo standard di cura Cetuximab-radioterapia, Pembrolizumab associato alla radioterapia non ha migliorato il controllo del tumore e la sopravvivenza, ma è apparso meno tossico nei pazienti non-idonei con carcinoma a cellule squamose localmente avanzato della testa e del collo. ( Xagena2023 )

Tao Y et al, Ann Oncol 2023; 34: 101-110

Neuro2023 Oto2023 Onco2023 Farma2023



Indietro