Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Vertigini
Xagena Mappa

Prevalenza e fattori di rischio per la perdita dell'udito indotta da Cisplatino in bambini, adolescenti e giovani adulti


Il Cisplatino è impiegato nel trattamento di un'ampia gamma di tumori infantili e la perdita dell'udito indotta dal Cisplatino ( CIHL ) è una tossicità comune e debilitante.
Si è cercato di colmare le lacune di conoscenza persistenti nella perdita dell'udito indotta dal Cisplatino stabilendo parametri di riferimento per la prevalenza e i fattori di rischio per la CIHL.

In questo studio di coorte multi-istituzionale, erano idonei per l'inclusione bambini di età da 0 a 14 anni, adolescenti e giovani adulti di età da 15 a 39 anni diagnosticati con un tumore trattato con Cisplatino da Centri oncologici pediatrici, che avevano informazioni disponibili sul dosaggio di Cisplatino e dati audiologici primari per la revisione centrale da consorzi situati in Canada e negli Stati Uniti.

L'audiologia è stata rivista a livello centrale e la perdita dell'udito indotta dal Cisplatino è stata classificata utilizzando la Boston SIOP ( International Society of Pediatric Oncology ) Scale - Ototoxicity.
È stata valutata la prevalenza della perdita dell'udito indotta dal Cisplatino moderata o grave ( grado SIOP maggiore o uguale a 2 ) all'ultimo follow-up e alla fine della terapia, in ciascun gruppo demografico, di diagnosi e di trattamento e il loro relativo contributo al rischio di perdita dell'udito indotta dal Cisplatino.

Gli endpoint secondari hanno esaminato le associazioni di riduzioni della dose di Cisplatino e la perdita dell'udito indotta dal Cisplatino con la sopravvivenza.
Si è anche esaminato se le riduzioni della dose di Cisplatino e perdita dell'udito indotta dal Cisplatino fossero associate agli esiti di sopravvivenza.

Sono stati inclusi 1.481 pazienti che hanno ricevuto Cisplatino. Dei 1.414 partecipanti ( 95.5% ) che hanno avuto l'audiometria all'ultimo follow-up ( media 3.9 anni dalla diagnosi ), 620 ( 43.8% ) hanno sviluppato perdita dell'udito indotta dal Cisplatino moderata o grave.

La più alta prevalenza di perdita dell'udito indotta dal Cisplatino è stata osservata nei pazienti più giovani ( età inferiore a 5 anni; 360 su 606 pazienti, 59.4% ) e in quelli con tumore del sistema nervoso centrale [ SNC ] ( 221 su 434 pazienti, 50.9% ), epatoblastoma ( 110 su 167 pazienti, 65.9% ), o neuroblastoma ( 154 su 248 pazienti, 62.1% ).

Dopo aver preso in considerazione la dose cumulativa di Cisplatino, dosi frazionate più elevate sono state associate al rischio di perdita dell'udito indotta dal Cisplatino ( per ogni aumento di 10 mg/m2 al giorno, odds ratio aggiustato aOR=1.15; per ogni aumento di 50 mg/m2 per ciclo, aOR=2.16 ).

L'esposizione alla Vincristina è stata recentemente identificata come un fattore di rischio per la perdita dell'udito indotta dal Cisplatino ( aOR 3.55 ).
Le riduzioni della dose e la perdita dell'udito indotta dal Cisplatino moderata o grave non sono state significativamente associate alle differenze di sopravvivenza.

Utilizzando questa ampia coorte multicentrica, sono stati stabiliti parametri di riferimento per la prevalenza della perdita dell'udito indotta dal Cisplatino nei pazienti trattati con Cisplatino.
Le variazioni nel dosaggio del Cisplatino conferiscono un rischio additivo per lo sviluppo di perdita dell'udito indotta dal Cisplatino e giustificano l'indagine come potenziale approccio per ridurre il carico di terapia. ( Xagena2021 )

Moke DJ et al, Lancet Child & Adolescent Health 2021; 5: 274-283

Oto2021 Pedia2021 Onco2021 Farma2021


Indietro