Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Sicurezza ed efficacia di Pembrolizumab con chemioradioterapia nel carcinoma a cellule squamose della testa e del collo localmente avanzato


Pembrolizumab ( Keytruda ) è un anticorpo monoclonale umanizzato che blocca l'interazione tra il recettore di morte programmata-1 ( PD-1 ) e i suoi ligandi ( PD-L1, PD-L2 ).
Sebbene Pembrolizumab sia approvato per il carcinoma a cellule squamose della testa e del collo ( HNSCC ) ricorrente / metastatico, il suo ruolo nella gestione della malattia localmente avanzata ( LA ) non è definito.

E' stato riportato uno studio di fase IB che sta valutando la sicurezza e l'efficacia dell'aggiunta di Pembrolizumab alla chemioradioterapia a base di Cisplatino nei pazienti con tumore HNSCC localmente avanzato.

I pazienti idonei includevano quelli con tumore HNSCC della cavità orale escluse le labbra, orofaringeo, ipofaringeo o laringeo in stadio da III a IVB secondo il sistema di stadiazione AJCC ( American Joint Committee on Cancer ), VII edizione, adatti alla dose standard di chemioradioterapia a base di Cisplatino ( 70 Gy ).

Pembrolizumab è stato somministrato in concomitanza e dopo la chemioradioterapia con Cisplatino settimanale.

La sicurezza era l'endpoint primario ed è stata determinata dall'incidenza degli eventi avversi della chemioradioterapia e degli eventi avversi immuno-correlati ( irAE ).

L'efficacia è stata definita come il tasso di risposta completa ( CR ) all'imaging di fine trattamento ( EOT ) o con conferma patologica a 100 giorni dal completamento della radioterapia.
I principali endpoint secondari comprendevano la sopravvivenza globale ( OS ) e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).

Lo studio ha arruolato 59 pazienti ( [ papillomavirus umano ] HPV-positivi, n=34; HPV-negativi, n=25 ) nel periodo 2015-2018.

In tutto 5 pazienti ( 8.8% ) hanno richiesto l'interruzione di Pembrolizumab a causa di reazioni avverse immuno-mediate, tutte avvenute durante chemioradioterapia concomitante.

Il 98.3% dei pazienti ha completato l’intera dose di trattamento pianificata ( 70 Gy ) di radioterapia senza alcun ritardo superiore o uguale a 5 giorni; l'88.1% dei pazienti ha completato la dose obiettivo di Cisplatino superiore o uguale a 200 mg/m2.

I tassi di risposta completa all'imaging di fine trattamento sono stati dell'85.3% e del 78.3% per i pazienti con tumore HNSCC, positivo e negativo per il virus HPV, rispettivamente.

Pembrolizumab in combinazione con la chemioradioterapia settimanale a base di Cisplatino è sicuro e non compromette l'assunzione della radioterapia o chemioterapia curativa nel carcinoma a cellule squamose del testa-collo.
I primi dati sull'efficacia supportano ulteriori indagini su questo approccio. ( Xagena2020 )

Powell SF et al, J Clin Oncol 2020; 38: 2427-2437

Onco2020 Oto2020 Farma2020


Indietro