Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Mediexplorer.it

Valutazione del rischio di xerostomia dopo terapia con radiazioni all’intero cervello e associazione con la dose somministrata alle parotidi


La radioterapia a tutto il cervello ( WBRT; panenecefalica ) fornisce una notevole dose di radiazioni alle ghiandole parotidee.
La xerostomia non è mai stata segnalata come un effetto avverso.
Ridurre al minimo gli effetti tossici nei pazienti che ricevono trattamenti palliativi, come la radioterapia WBRT, è fondamentale.

Si è valutato se la xerostomia sia un effetto tossico della radioterapia WBRT in uno studio di coorte osservazionale che ha arruolato pazienti dal 2015 al 2018 presso 1 Centro accademico ( University of North Carolina Hospital ) e 2 ospedali affiliati ( High Point Regional Hospital e University of North Carolina Rex Hospital ).

Sono stati arruolati pazienti adulti ( n=100 ) che hanno ricevuto radioterapia WBRT per il trattamento o la profilassi delle metastasi cerebrali.

I pazienti che presentavano una sostanziale xerostomia al basale o che non avevano completato la radioterapia WBRT o almeno 1 questionario post-basale erano stati esclusi in modo prospettico dall'analisi e dal follow-up.

I pazienti hanno ricevuto radioterapia WBRT tridimensionale utilizzando campi laterali opposti che coprivano il cranio e la vertebra C1 o C2.
Per pratica standard, le ghiandole parotidi non erano state delineate prospetticamente.


L'endpoint primario era il punteggio di xerostomia a 1 mese, con un punteggio peggiorato ipotizzato di 10 punti rispetto al basale.

Dei 100 pazienti arruolati, 73 ( 73% ) erano idonei per l'analisi e 55 ( 55% ) erano valutabili a 1 mese.

I 73 pazienti includevano 43 donne ( 59% ) e 30 uomini ( 41% ) con un'età media di 61 anni.
Il volume mediano della parotide che aveva ricevuto almeno 20 Gy ( V20Gy ) era del 47%.

Il punteggio medio della xerostomia era di 7 punti al basale ed era, statisticamente significativo, più alto a ogni periodo di valutazione, compresi 21 punti immediatamente dopo radioterapia WBRT ( P minore di 0.001 ), 23 punti ( P minore di 0.001 ) a 1 mese, 21 punti ( P minore di 0.001 ) a 3 mesi e 14 punti ( P=0.03 ) a 6 mesi.

A 1 mese, il punteggio di xerostomia è aumentato di 20 punti o più in 19 pazienti ( 35% ).
Il punteggio di xerostomia a 1 mese è risultato associato alla dose parotidea come variabile continua ed era 35 punti nei pazienti con V20Gy parotideo del 47% o superiore, rispetto a solo 9 punti nei pazienti con V20Gy parotideo inferiore al 47% ( P minore di 0.001 ).

La percentuale di pazienti che ha riferito di provare disturbo o un leggero disturbo dalla xerostomia a 1 mese è stata del 50% nei soggetti con V20Gy parotideo del 47% o superiore, rispetto a solo il 4% con V20Gy parotideo inferiore al 47% ( P minore di 0.001 ).
A 3 mesi, questa differenza è stata del 50% vs 0% ( P=0.001 ).

La xerostomia non è stata associata all'uso di farmaci.

La xerostomia clinicamente significativa verificatasi alla fine della radioterapia WBRT sembra essere persistente e sembra essere associata alla dose di radiazioni ricevuta dalla parotide.
I risultati di questo studio suggeriscono che le ghiandole parotidi dovrebbero essere delineate per evitare di minimizzare questi effetti tossici nei pazienti sottoposti a radioterapia panenecefalica che spesso non sopravvivono abbastanza a lungo per un recupero salivare. ( Xagena2019 )

Wang K et al, JAMA Oncol 2019; 5: 221-228

Neuro2019 Onco2019 Oto2019



Indietro