GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Valutazione della riduzione sostanziale della dose e del campo di radioterapia nei pazienti con carcinoma orofaringeo associato al papillomavirus umano trattati con chemioradioterapia definitiva


Diverse strategie di de-escalation per il carcinoma orofaringeo ( OPC ) associato al papillomavirus umano ( HPV ) si sono concentrate sulla deintensificazione del trattamento della malattia macroscopica.
La riduzione della dose di radioterapia e del volume target alle regioni subcliniche può ottenere buoni esiti clinici con una qualità di vita del paziente ( QOL ) favorevole.

Sono stati determinati gli esiti di un approccio sistematico di riduzione della dose di radioterapia e del volume target nelle regioni di trattamento elettivo in pazienti con carcinoma orofaringeo HPV-associato, sottoposti a chemioradioterapia concomitante ( CCRT ).

Uno studio di coorte retrospettivo ha incluso 276 pazienti consecutivi con carcinoma orofaringeo HPV-positivo che hanno ricevuto chemioterapia dal 2017 al 2019.
I dati sono stati analizzati nel 2021.

Le regioni linfonodali e subcliniche elettive hanno ricevuto 30 Gy di radioterapia in 15 frazioni, seguite da un cono inferiore di 40 Gy in 20 frazioni alla malattia macroscopica per una dose totale di 70 Gy.
Sono stati omessi gli alti bacini linfonodali retrofaringei nel collo con linfonodo negativo e i bacini bilaterali di livello IB e V.

I pazienti sono stati seguiti per valutare il controllo locoregionale come esito primario e la sopravvivenza libera da metastasi a distanza, la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale come esiti secondari.
I dati sulla qualità di vita sono stati ottenuti ad ogni visita, quando possibile.

Tra i 276 pazienti inclusi nell'analisi, l'età media era di 61 anni; 247 ( 89.5% ) erano uomini; e 183 ( 66.3% ) avevano fumato meno di 10 pacchetti di sigarette per anno.
La maggior parte dei pazienti ( 251, 90.9% ) era di razza bianca.
Complessivamente, 87 ( 31.5% ) avevano malattia cT3-cT4 e 65 ( 23.5% ) avevano malattia cN2-cN3, secondo l'ottava edizione dell'American Joint Committee on Cancer Staging Manual.

In tutto 172 pazienti ( 62.3% ) hanno completato la terapia con Cisplatino ad alte dosi da 300 mg/m2.

Durante un follow-up mediano di 26 mesi, 8 pazienti hanno sviluppato una recidiva locoregionale, di cui 7 al sito primario o ai linfonodi che hanno ricevuto una dose totale di 70 Gy e 1 con un linfonodo persistente non precedentemente identificato come malattia evidente che ha ricevuto una dose totale di soli 30 Gy.

Il controllo locoregionale a 24 mesi è stato del 97.0%; sopravvivenza libera da progressione, 88.0%; sopravvivenza libera da metastasi a distanza, 95.2%; e sopravvivenza globale, 95.1%.

Durante il trattamento, 17 pazienti ( 6.2% ) hanno richiesto un sondino per l'alimentazione.

A 24 mesi, la maggior parte dei punteggi compositi della QOL ( problemi legati alla mandibola, dolore, contatto sociale, alimentazione, linguaggio e deglutizione ) erano paragonabili o superiori alle misure di base ad eccezione di sensi, secchezza delle fauci, tensione muscolare e funzionamento cognitivo, che è migliorato nel tempo, ma è rimasto leggermente peggiore dal basale.

Questo studio di coorte ha rilevato che la strategia di de-escalation valutata per le regioni elettive ha mostrato favorevoli esiti clinici e profili di qualità di vita.
I dati di follow-up a lungo termine aiuteranno ad affermare l'efficacia di questa strategia come opzione di cura per il trattamento del tumore orofaringeo associato all'HPV con chemioradioterapia primaria. ( Xagena2022 )

Tsai CJ et al, JAMA Oncol 2022; 8: 364-372

Oto2022 Onco2022 Inf2022 Med2022 Farma2022


Indietro